Pianificazione delle pulizie di primavera prima della stagione estiva

Con l’arrivo della stagione calda, la voglia di pulire, profumare e respirare aria nuova cresce in noi. Mentre ci stiracchiamo pigramente in primavera e Pasqua è alle porte, diventa difficile ignorare il richiamo delle pulizie primaverili, sulle quali è importante prepararsi in anticipo ma senza sentirsi obbligati a seguire un piano troppo rigido. Alcune linee guida possono bastare per affrontare con serenità e soddisfazione i lavori di pulizia.

Organizzazione e regole per affrontare le pulizie

Avere un piano organizzato può rendere la pulizia più gestibile, consentendo di concentrarsi su aree specifiche senza tralasciare alcuno spazio. Di seguito, descriviamo i punti chiave per prepararsi adeguatamente alle pulizie primaverili:

  • riservate un’intera giornata alle pulizie come, ad esempio, il sabato se non avete impegni lavorativi. Questo permetterà di affrontare le faccende senza fretta, concedendovi il riposo e il piacere di godervi il risultato pulito e ordinato la domenica;
  • su un foglio create un breve planning suddividendo le attività per categorie principali: giardino, organizzazione di armadi, pulizia della cucina, bagno e una spolverata generale in tutta la casa. Iniziate con le attività meno piacevoli, come il lungo ma gratificante cambio di stagione dell’armadio, per poi passare alla rimozione della polvere e alla pulizia approfondita di ogni zona della casa;
  • preparate in anticipo tutti gli strumenti necessari, come guanti, spugne, panni e detersivi. Optate per prodotti naturali ed ecologici che includano bicarbonato, aceto e fogli di carta da giornale per il riciclo (ottimi per la pulizia dei vetri). Non dimenticate di mettere da parte qualche CD di musica allegra e coinvolgente, per rendere l’esperienza ancora più piacevole;
  • coinvolgete un membro della famiglia, un amico o il proprio compagno, per ridurre il tempo previsto e avere compagnia durante le attività più noiose.

Pulizie primaverili: da che stanza iniziare?

La scelta del punto di partenza e dell’ordine in cui occuparsi di ogni stanza spetta a voi, ma è consigliabile cominciare dalla zona domestica meno gradevole o più complicata da pulire. In questo modo, vi troverete per ultime le zone che richiedono meno sforzi, viste le energie che avrete già impiegato all’inizio. L’ordine che consigliamo è cucina, soggiorno, camera da letto e bagno.

Cucina

La cucina richiede una pulizia approfondita poiché è coinvolta nella preparazione e cottura degli alimenti. Mentre fornelli, lavello e pavimenti vengono puliti regolarmente, è importante dedicarsi anche agli interni dei mobili e agli elettrodomestici come frigorifero, freezer, forno e lavastoviglie. Questi apparecchi, costantemente in contatto con il cibo, possono accumulare grassi e odori che influenzano il loro funzionamento e la conservazione degli alimenti.

Il freezer va svuotato e sbrinato e la lavastoviglie richiede un ciclo di lavaggio con prodotti igienizzanti per pulire filtri e pompe. Infine, il frigo, il forno e il microonde devono essere puliti a fondo per rimuovere i batteri al loro interno.

Salone

Nella zona giorno, così come nelle altre stanze, è essenziale pulire i lampadari e lavare gli elementi di arredo: tappeti, tende e cuscini. Oltre alla comune pulizie dei mobili, è opportuno praticare anche il “decluttering”, ovvero eliminare ciò che non serve più come soprammobili vecchi, non graditi o che, come spesso si dice, accumulano solo polvere.

Camera da letto

Nella zona notte, è consigliabile organizzare gli armadi, liberandoli dai vestiti che non indossiamo più e che, quindi, occupano inutilmente spazio ed effettuare una profonda pulizia del loro interno. Il cambio di stagione è il momento ideale per separarsi dagli abiti che, di anno in anno, vengono unicamente spostati senza essere mai indossati. Un elemento fondamentale da considerare nella camera da letto è il letto stesso, in particolare il materasso e i cuscini: cambiare la biancheria non basta per assicurare un ambiente pulito, ma serve igienizzare accuratamente materasso, cuscini e ogni elemento che potrebbe accumulare acari e muffe.

Bagno

Come la cucina, anche il bagno tende a sporcarsi facilmente e richiede pulizie frequenti per motivi igienici. Nel planning è opportuno aggiungere come attività “extra” la pulizia della lavatrice con prodotti specifici che richiedono semplicemente un ciclo di lavaggio vuoto, e la cura del rivestimento murale, specialmente quello della doccia.

Casa efficiente e sicura con la manutenzione della caldaia

La primavera costituisce il momento perfetto per occuparsi dell’ispezione della caldaia, avvalendosi dell’assistenza di una ditta specializzata nella pulizia e nel lavaggio dell’impianto di riscaldamento. In questa stagione, la caldaia è in uno stato di inattività dopo l’inverno e rimarrà così fino all’autunno successivo; proprio per questo, effettuare la manutenzione in anticipo è vantaggioso per prevenire eventuali guasti durante i periodi più freddi.

Un consiglio importante, da seguire principalmente in primavera, è mantenere la caldaia operativa in modo continuo per prolungarne la sua durata di vita. Questo perché, di solito, i componenti tendono a subire minori livelli di usura quando si tengono attivi a potenza ridotta, piuttosto che essere accesi e spenti in modo frequente.

Scrivi una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *