L’aspirabriciole è un cosiddetto “must have”, ovvero uno di quegli apparecchi che è indispensabile avere per la pulizia della casa, dell’auto, del garage o di qualsiasi altro spazio.

Avere un aspiratore del genere, sempre pronto all’uso, è importante perchè un raccoglibriciole elettrico o a batteria si presta molto bene alla pulizia di più ambienti, di più superfici, e oltretutto è pratico, conveniente e molto maneggevole.

Qual è quindi il miglior aspirabriciole che potremmo comprare? In commercio ce ne sono davvero molti ma forse, prima di tirare fuori il borsello per procedere all’acquisto, sarà meglio considerare qualche parametro importante.

Analizzando alcuni parametri potremmo capire quali sono le caratteristiche principali di un raccogli briciole e come questo possa rappresentare anche un aspirapolvere piccolo, sicuramente utile per più esigenze.

5 fattori per la scelta del miglior aspirabriciole

C’è la diffusa tendenza a credere che tutti i modelli di aspirabriciole tendano pressochè ad equivalersi: niente di più sbagliato.

Questi apparecchi, infatti, possono essere simili tra di loro per struttura, forma e dimensioni, ma ognuno di essi possiede delle peculiarità ben specifiche.

Vediamo quindi quali sono gli elementi distintivi più importanti.

Potenza Aspirazione

Qual è la potenza di aspirazione di un aspirabriciole? Diciamo subito che la forza aspirante di un raccoglibriciole varia da modello a modello.

Per quanto concerne le tipologie, infatti, possiamo avere aspirabriciole da tavolo, aspirabriciole per auto, combinati e wet and dry. Tra questi, il modello più comune che dà anche il nome all’apparecchio è l’aspirabriciole da tavolo, quello che viene usato per pulire la tovaglia dal pane sbriciolato e da altri residui simili. Per l’acquisto di un apparecchio di questo genere è bene orientarsi su modelli con una potenza aspirante di almeno 12 AW.

L’aspirabriciole per vetture è più potente perchè, come abbiamo avuto modo di vedere per gli aspirapolvere per auto, questo strumento deve arrivare ad aspirare polvere, sabbia, sassolini e detriti di dimensioni più piccole. Per l’acquisto di un aspirabriciole per auto quindi sarebbe più opportuno optare per un apparecchio di potenza maggiore di 12 AW.

Una potenza aspirante maggiore, infine, è quella che hanno anche i cosiddetti apparecchi combinati e wet & dry; i primi sono pensati per adempiere a più funzioni, ad esempio la pulizia della casa e dell’auto, mentre i secondi sono capaci di aspirare sia l’asciutto che il bagnato, immagazzinando i residui in due serbatoi distinti.

Ricapitolando, ecco le possibili fasce di potenza di un aspirabriciole:

  • Bassa: dai 4 AW ai 10 AW (2/7 V)
  • Media: dai 10 AW ai 20 AW (7/13 V)
  • Alta: sopra i 20 AW (13/22 V)

Filtri

Come nel caso di altri tipi di aspiratori, come il classico aspirapolvere, la scopa elettrica o la scopa a vapore, anche per un aspirabriciole una componente molto importante è rappresentata dal sistema filtrante.

Infatti, quando a questi apparecchi viene a mancare un adeguato apparato di microfiltrazione dell’aria le particelle più piccole non vengono adeguatamente trattenute ma possono tornare fuori dopo l’aspirazione.

La soluzione a questi problemi è rappresentata dai filtri Hepa che riescono a trattenere anche particelle di dimensioni microscopiche, grandi appena qualche micron. Al momento dell’acquisto, quindi, assicurarsi che l’apparecchio disponga di filtri Hepa 13 o 14, che sono quelli che riescono a trattenere la quasi totalità dell’aspirato.

Alimentazione

Come gli aspirapolvere senza fili, anche la maggior parte degli aspirabriciole funziona per mezzo di batterie ricaricabili agli ioni di litio o al nichel metallo-idruro. L’autonomia di una batteria può variare dagli 8 ai 20 minuti, mentre il tempo di ricarica può oscillare tra le 3 e le 8 ore.

Molti modelli di aspirabriciole per auto, invece, funzionano invece grazie alla presa accendisigari. Per l’acquisto di un raccoglibriciole elettrico bisogna valutare anche la lunghezza del cavo di alimentazione; se abbiamo da pulire un’utilitaria può andare bene un apparecchio dotato di un cavo di dimensioni standard, ma se dobbiamo effettuare la pulizia di un camper o di una vettura familiare forse è il caso di comprare un modello con un cavo più lungo.

Struttura

Riguardo alla struttura, i raccogli briciole sono aspiratori che si somigliano molto tra di loro, ma che magari si differenziano per il peso.

Considerando un ventaglio piuttosto largo, il peso di un aspirabriciole oscilla tra i 600 grammi e i 2 Kg.; restringendo la forbice, il peso della maggior parte degli apparecchi va da 800 grammi a 1.5 Kg.

Il contenitore di un aspirabriciole in genere ha una capacità che va dai 300 e i 600 ml., ma non è difficile trovare anche degli apparecchi con la capacità di 1 litro.

Riguardo alla struttura, infine, un apparecchio che si distingue per una linea caratteristica è l’aspirapolvere Folletto; si tratta di un buon tipo di aspiratore concepito con un design moderno e accattivante.

Bocchette

Tra gli accessori che possono essere presenti nella confezione d’acquisto di un aspirabriciole spiccano le bocchette.

In particolare, possono essere presenti una bocchetta a lancia piatta, per polvere e altro tipo di sporco annidato in anse e fessure, una bocchetta a spazzola, ideale per l’aspirazione di capelli e peli di animali, e in gomma, per aspirare i liquidi.

In alcuni casi può essere presente anche una bocchetta telescopica, con estremità allungabile.

La presenza di accessori, i materiali con cui è costruito, la potenza di aspirazione, la dotazione di filtri Hepa e altri fattori che abbiamo appena visto concorrono a fare il prezzo dell’aspirabriciole.

Ecco, quindi, le varie fasce di costo di un aspirabriciole:

  • Bassa: 15/35 Euro
  • Media: 35/75 Euro
  • Alta: 75/150 Euro

Se sei arrivato fin qua molto probabilmente potrebbe anche interessarti conoscere le qualità, i pregi e i vantaggi di un robot aspirapolvere.

Scrivi una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *