L’elettrostimolatore addominali è uno strumento utilizzato in fisioterapia per la riabilitazione o dagli sportivi più accaniti per migliorare la salute dei muscoli addominali.

L’addome è costituito da moltissime fasce muscolari che devono essere allenate tutte allo stesso modo per ottenere la tanto nota “tartaruga”.

Anche se l’attività fisica è indispensabile nel raggiungimento di questo obiettivo, l’elettrostimolatore per addominali può aiutare moltissimo a definire, potenziare ed asciugare. Proprio a questo serve.

Ne esistono però di tanti tipi, acquistabili sia con una spesa esigua sia di tipo professionale. Ecco allora come scegliere quello giusto senza cadere in truffe che in questo ambito, purtroppo, sono spesso frequenti.

SOMMARIO

Elettrostimolatore per addome: 5 caratteristiche da valutare per acquistare l’accessorio giusto

Anche il miglior elettrostimolatore per addominali non potrà mai donare da solo quel six-pack da urlo che rende tanto sexy ed attraenti attori e personaggi noti.

Per averlo servono attività fisica ed un’alimentazione equilibrata.
Prima ancora di valutare le caratteristiche di qualsiasi stimolatore del genere scartate tutti quegli accessori che promettono miracoli senza sforzo.

Fatto ciò resteranno nelle possibilità di acquisto tutti strumenti fitness davvero seri, dei quali valutare forma, programmi di allenamento presenti, elettrodi, tipologia di alimentazione e prezzo.

Forma

elettrostimolatore addominali six-pack

Di elettrostimolatori ce ne sono moltissimi modelli, adatti al potenziamento non solo dell’addome, ma anche dei pettorali o degli arti.

Gli elettrostimolatori addominali sono più specifici, e solitamente possono essere di due tipologie: a fascia, o modellati esattamente sulla forma degli obliqui e del retto dell’addome.

La cintura elettrostimolatore per addominali viene scelta da chi vuole stimolare anche i laterali che le altre fasce di questa zona del corpo.

Acquistandola si deve fare principalmente attenzione alla circonferenza vita ricoperta, personalizzata sulle proprie misure corporee.

Le fasce addominali migliori sono regolabili e solitamente molto leggere, per essere utilizzate tranquillamente anche durante le attività casalinghe.

L’elettrostimolatore addominale preformato invece ha proprio la forma del six-pack.

Di solito è munito di elettrodi adesivi ed è molto potente. Viene sfruttato anche dagli sportivi e non è fastidioso perché ha un peso esiguo.

Programmi di allenamento

Proprio perché è uno strumento complementare all’attività fisica o alla riabilitazione l’elettrostimolatore addominali funziona in maniera differente a seconda dei programmi memorizzati.

Di solito vanno da 2, per i prodotti più semplici, a 5, e ricoprono vari obiettivi di allenamento, quali potenziamento per lo sport, estetica e recupero post-infortunio.

I diversi obiettivi vengono raggiunti e modificati grazie ad una variazione dell’intensità dell’impulso elettrico che fa contrarre le fibre muscolari.

A seconda delle esigenze è quindi necessario acquistare un elettrostimolatore che sia ottimizzato per le proprie necessità. Ad esempio, se l’obiettivo è definire il muscolo non avrà senso acquistare uno stimolatore più adatto alla riabilitazione o viceversa.

Naturalmente i prodotti migliori sono potenziati per tutti gli obiettivi e sono anche personalizzabili.

Elettrodi

elettrodi elettrostimolatore addominali

Questi accessori fitness funzionano grazie ad un impulso elettrico trasmesso alle fibre muscolari grazie a degli elettrodi.

L’efficienza della seduta di elettrostimolazione quindi non dipende solo dalla qualità strutturale dello strumento ma anche dal numero degli elettrodi e dalle uscite.

Un elettrostimolatore per addominali professionale solitamente ha 4 canali di uscita, per questo può agire in maniera anche molto intensa, contemporaneamente, su fasce muscolari distinte.

Quelli più economici invece ne hanno meno, anche solo 2.
Possono comunque avere fino a 4 elettrodi come i professionali ma sono meno efficienti di questi perché la potenza della stimolazione viene suddivisa e dispera in quantità maggiore.

Tipo di alimentazione

Perché l’impulso elettrico venga generato c’è necessariamente bisogno di una batteria.

Gli elettrostimolatori per addominali possono funzionare o a pile o essere ricaricabili.

Il primo tipo dura maggiormente nel tempo, anche se il costo delle batterie, da cambiare ogni volta, è un deterrente da tenere in considerazione.

La batteria ricaricabile invece è molto comoda perché non va cambiata, ma nel tempo perde efficienza e durata.

Prezzo

elettrostimolatore addominali a fascia

Come già detto, di truffe nel mondo dell’elettrostimolazione ce ne sono a bizzeffe.

Un buon metodo per tutelarsi è quello di badare attentamente al prezzo del prodotto acquistato.

Un buon elettrostimolatore addominale infatti non può costare meno di 30-40 euro.

Il consiglio, se si desidera acquistare un prodotto davvero efficiente, è quello di spendere un po’ di più.

Gli elettrostimolatori per addome da 60-80 euro sono un buon compromesso per avere potenza e convenienza assieme. Non resterà poi che faticare un pochino in palestra e mostrare con orgoglio il proprio fisico da BayWatch.

Scrivi una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *