La scanalatrice è uno strumento utilizzato dai professionisti del settore per effettuare le tracce e scanalature per la realizzazione di alcuni impianti (come quello elettrico, per esempio), sia sul muro e sia su pavimento.

Tra le migliori consigliamo la scanalatrice Bosch, unica nel suo genere e dotata di funzioni e caratteristiche che facilitano il lavoro mettendo gli utilizzatori in completa sicurezza.

SOMMARIO

5 Fattori per la scelta della migliore scanalatrice

Tipologie

La macchina per effettuare le scanalature e un prodotto professionale utilizzato di solito da chi è del mestiere. Troviamo due tipologie:

  • Scanalatrice a dischi: il modello più diffuso e versatile, composto da dischi diamantati e segmentati che possono avere un totale di 2 – 4 oppure 6. Taglia tutto e senza alcuno sforzo, essendo anche molto leggera e maneggevole.
  • Scanalatrice a fresa: da non utilizzare su cemento e pietra è ideale per la lavorazione su altri tipi di materiali, quelli morbidi come legno oppure intonaco. Simile ad una fresatrice sia come estetica e sia come funzionamento.

Caratteristiche

La macchina per scanalature è uno strumento professionale volto alla semplificazione di alcuni lavori, impossibili da effettuare manualmente. Molte le sue caratteristiche, come:

  • Taglio: una rotellina posta sopra lo scanalatore per tracce consente di regolare la profondità del taglio che varia dai 5 sino ai 75 mm. Non solo: per quanto riguarda la profondità la regolazione varia da 10 a 40 mm grazie ad un sistema particolare situato all’interno dei dischi;
  • Dischi: per gli amanti del fai da te, il consiglio è quello di utilizzare dai 2 ai 4 dischi, mentre per i professionisti del settore più dischi ci sono e più il lavoro si semplifica;
  • Diametro: la capacità di tracciatura è correlata al diametro dei dischi, naturalmente considerando che – di conseguenza – avviene un aumento del peso ma anche della velocità dello strumento utilizzato;
  • Polvere: i migliori modelli prevedono un sistema interno di raccolta polveri e particelle che potranno poi essere eliminati direttamente con un aspirapolvere apposito. Da considerare come uno degli aspetti primari.

Modelli

Sul mercato sono tantissimi i modelli di scanalatrice che vengono proposti con molte funzionalità e caratteristiche, che devono essere scelte in base alla propria necessità ed utilizzo. Tra le migliori marche, possiamo trovare:

  • Scanalatrice Hilti: ottimo rapporto qualità/prezzo con dischi diamantati, ideale per installazione di cavi e canaline con taglio di calcestruzzo, mattoni e arenaria;
  • Scanalatrice Baier: con dischi diamantati sono ideale sia per materiali leggeri e sia per materiali duri, riuscendo a portare a termine ogni tipologia di lavoro;
  • Scanalatore Makita: doppio disco per scanalature a freddo, con un ottimo prezzo e prestazioni professionali.

Precauzioni

Le precauzioni quanto si utilizza uno scanalatore da muro o scanalatore per pavimenti non sono mai troppe. La prima attenzione da effettuare è in merito alla corrente elettrica e al controllo preventivo che non ci siano cavi, dove si desidera effettuare la traccia.

Altri fattori molto importanti sono gli indumenti di protezione – attenzione che bambini e animali non siano nei dintorni – che la lunghezza del cavo sia idonea al lavoro che si deve svolgere e che tutto sia messo in sicurezza.

Potenza

La potenza degli scanalatori è un fattore importante nella scelta del prodotto per l’utilizzo che se ne deve fare, in quanto incide direttamente sul grado di taglio che effettua.

Si esprime in Watt e generalmente i prodotti variano da 1400 sino a 2400 W di potenza elettrica.

Ulteriore dato da tenere in considerazione è il numero di giri a vuoto. Lo scanalatore mediamente ha una velocità a vuoto che varia da circa 4500 a 8200 RPM.

Scrivi una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *