Box doccia Leroy Merlin, qualità ed eleganza dei Migliori

Il box doccia ha un’importanza fondamentale nel bagno di qualsiasi casa. Luogo che accoglie tutta la famiglia e decisamente sfruttato va scelto in base alle misure, il materiale di costruzione e le finiture che seguano i gusti personali e l’arredamento della stanza da bagno.

Abbiamo deciso di dedicare questa guida interamente ai box doccia Leroy Merlin, grande colosso francese, del quale abbiamo apprezzato particolarmente Elyt semicircolare con porte scorrevoli.

Il Miglior Box Doccia Leroy Merlin

Box doccia semicircolare indicato per piatti doccia da 90×90 cm, è dotato di due ante fisse più due scorrevoli che ci ha assicurato un’accesso alla doccia comodo e agevole. E’ un prodotto Made in Italy (abbiamo decisamente apprezzato questo dettaglio) ed è fornito di una garanzia di due anni, decisamente importante in caso di problemi con il prodotto.

Del prezzo di 479,00 € ci ha colpito per il suo aspetto elegante e minimale, con profili in alluminio cromato che ben si adattano a qualsiasi tipologia di bagno.

Il cristallo temperato dei pannelli, dalla resa estetica favolosa, è dello spessore di 6 mm ed è dotato di un trattamento anticalcare che abbiamo particolarmente apprezzato in fase di pulizia e di mantenimento delle condizioni del box.

L’apertura delle ante scorrevoli avviene tramite una maniglia, anch’essa cromata per amalgamarsi con lo stile del box e la chiusura è magnetica, quindi non abbiamo riscontrato praticamente nessuna fuoriuscita d’acqua, sempre che non si utilizzi la doccia come un gayser 😀 .

Noi abbiamo optato per la versione trasparente per dare un tocco raffinato al nostro bagno e dobbiamo dire che, una volta installato il box, ci siamo innamorati una seconda volta! La trasparenza e la brillantezza del cristallo hanno giovato all’aspetto del nostro bagno dando l’idea che fosse più spazioso di quello che in realtà è!

Se comunque non vi piacesse questa composizione, potete trovare Elyt in combinazioni di diversi pannelli e profili per quasi tutti i gusti, non possiamo mancare di citare la versione con cristallo temperato fumè, che ha raccolto anche quella particolari consensi da tutti noi.

L’installazione non è stata difficoltosa ed è inoltre reversibile quindi si può installare sia a destra che a sinistra.

Il Miglior Box Doccia Leroy Merlin Qualità/Prezzo

Vista la grande varietà di tipologie e combinazioni disponibili e le differenze di prezzo, dimensioni ed esigenze, abbiamo deciso di valutare anche altri prodotti che potessero essere ugualmente ottimi e che potessero rientrare in un rapporto qualità/prezzo decisamente vantaggioso.

Ammettiamo comunque che la scelta, oltre che pratica, è stata anche dettata dal fatto che siamo rimasti colpiti da troppi prodotti e ci piangeva il cuore a lasciarli fuori tutti!

box doccia leroy
Non perderti tutte le versioni di Umbra!

Per questa categoria quindi si è aggiudicato il premio come migliore il box doccia Leroy Merlin Umbra, un box doccia rettangolare adattabile a piatti doccia da 70 x 90 cm. L’apertura è a due ante fisse più due scorrevoli decisamente comoda e pratica in qualsiasi bagno.

Del costo di 339,00 €, i pannelli in cristallo temperato dello spessore di 5 mm sono fumè con dettagli serigrafati e lavorati con un trattamento anticalcare. Esteticamente ci ha colpito l’aspetto dei pannelli che, in combinazione fra fumè e serigrafia danno un tocco particolare e personalizzato al box doccia.

I profili sono in alluminio cromato, come il pomello e la chiusura magnetica assicura una buona tenuta. Disponibile anche in composizione a tre lati è reversibile per l’installazione sia a destra che a sinistra.
Ottimo per il compromesso qualità/prezzo, Umbra è dotato di una garanzia di due anni e di una resa estetica e pratica decisamente ottima!

Enorme megastore specializzato in bricolage e fai da te, offre una vastissima varietà di box doccia per tutte le tasche, i gusti e le esigenze! Dobbiamo ammettere di esserci trovati in difficoltà nella vastità del catalogo offerto, ci piacevano praticamente tutti i prodotti 🙂 ma, come sappiamo, chi ben comincia è a metà dell’opera e ci siamo buttati nella scelta e nella valutazione di un numero enorme di varianti e combinazioni.

Riteniamo che a questo punto, prima di arrivare ai prodotti che abbiamo deciso di eleggere come Migliori, sia d’obbligo introdurre adeguatamente i box doccia Leroy Merlin.
Alternativa più pratica della classica vasca da bagno, il box doccia è preferito da molti (ad un sondaggio fra colleghi, amici, parenti e conoscenti il 90% predilige la doccia) non solo per la sua grande funzionalità e comodità ma anche per un discorso di ingombro all’interno della stanza da bagno.
A prescindere dal gusto personale, bisogna tenere in considerazione lo spazio a disposizione per installare i sanitari all’interno del proprio bagno e il box doccia, declinato in numerose varianti, è quello che riesce a soddisfare pienamente il compromesso fra spazio, estetica e praticità.

box doccia Leroy

Quadrato, rettangolare o semicircolare?

Partiamo dalle diverse forme in cui è possibile trovare questi prodotti.
Da adattare al piatto doccia scelto per il proprio bagno, sono disponibili in una varietà di forme che può soddisfare praticamente ogni esigenza, fra i più diffusi è possibile trovare box doccia quadrati, rettangolari e semicircolari. Le dimensioni disponibili per ogni tipologia sono decisamente numerose e in combinazioni che possono adattarsi a pressoché qualsiasi misura, naturalmente se non avete già optato per un piatto doccia dalle misure non standard il quale necessiterà di strutture personalizzate.

Come già specificato, piatto doccia e box doccia, vanno scelti insieme come tipologia sopratutto se siete in fase di costruzione del vostro bagno. Valutate con molta attenzione lo spazio che avete a disposizione e l’effetto estetico d’insieme che volete raggiungere. Ogni modello avrà un ingombro e una presenza estetica diversa dalle altre.
Il box doccia quadrato, utilizzato in bagni di dimensioni ristrette è la scelta più diffusa. Lascia internamente uno spazio ragguardevole un po’ a discapito dello spazio vivibile del bagno. L’angolo infatti, sporgendo all’interno della stanza, va a creare un ingombro che bisogna tenere in considerazione soprattutto in ambienti davvero piccoli.

Il box doccia rettangolare, decisamente più spazioso, va collocato alla perfezione all’interno della stanza da bagno considerando sia lo spazio che andrà ad occupare nell’ambiente che sia l’arredo bagno che vestirà le pareti sulle quali sarà appoggiato. Perfetto in bagni dalle dimensioni più ampie offre uno spazio interno confortevole e decisamente agevole.

Arriviamo quindi al box doccia semicircolare che secondo noi rappresenta il compromesso migliore fra estetica e gestione degli spazi. A livello di dimensioni, la mancanza di un angolo e uno spigolo fanno guadagnare la stanza da bagno sia in termini di ingombro che, seppur minimo modifica enormemente la percezione dello spazio, che in termini di estetica risultando decisamente elegante e gradevole da vedere. Vediamo la domanda nascere nei vostri occhi: “Ma lo spazio interno?” Tranquilli, lo spazio interno può sembrare sacrificato dalla mancanza dell’angolo ma in realtà la diminuzione non è così grande, non pensiamo che il vostro tempo sotto la doccia lo passiate nell’angoletto, vero?

Apriti sesamo!

Altro dettaglio di grandissima importanza nella scelta del box doccia è il metodo di apertura. Anche qui c’è da fare una valutazione in termini di spazio oltre che di praticità di utilizzo.
In questo caso, lo spazio di cui parliamo ha una duplice valenza.
In primo luogo si parla di spazio disponibile per entrare ed uscire dalla doccia, più l’apertura sarà pratica più agevole sarà il passaggio, anche in caso di persone che facciano fatica a muoversi e che necessitino quindi di uno spazio più ampio; in secondo luogo torniamo a parlare di ingombro all’interno della stanza, anche per quanto riguarda l’apertura della doccia, bisogna calcolare bene le misure dello spazio in cui andrà collocata. Se, ad esempio, aveste un bagno un po’ piccolino dove il box doccia si trova di fronte ai sanitari, dovrete optare per un’apertura che non andrà ad occupare lo spazio esterno al box.

I box doccia sono quindi disponibili con diversi metodi di apertura: pieghevole; scorrevole, ante a battente e saloon. Insomma, avrete l’imbarazzo della scelta.
L’apertura con anta pieghevole è una delle più classiche e prevede che, in fase di apertura, questa si pieghi verso l’interno permettendo un accesso decisamente agevole senza occupare lo spazio all’esterno del box. Dello stesso concetto è quella a soffietto dove la porta si apre e si chiude come fosse una fisarmonica.

Altra apertura decisamente comoda, pratica e largamente diffusa è quella a scorrimento. Strutturata tramite pannelli che scorrono su dei “binari”, non pregiudica una diminuzione di spazio né internamente né esternamente al box. A differenza dell’apertura pieghevole, però, potrebbe essere meno agevole soprattutto in caso di un box di dimensioni molto piccole perché potrebbe non fornire uno spazio di accesso abbastanza ampio per persone che la necessitano. Fate quindi attenzione ai dettagli, esistono in commercio box doccia a tre ante scorrevoli che, grazie ai tre pannelli a scomparsa lasciano uno spazio un pochino più ampio.

L’apertura ad anta a battente ha lo stesso meccanismo di una comunissima porta che viene quindi applicato alle ante del box doccia. I pannelli della doccia sono quindi corredati di maniglie o pomelli per aprire il box, in genere esternamente. Questo tipo di apertura è consigliato se si ha a disposizione uno spazio agevole intorno al box doccia perché, se così non fosse, risulterebbe estremamente difficoltoso sia aprirlo che accedervi.
Derivante da questo tipo di concetto è l’apertura a saloon che prende il nome dalle famigerate porte dei classici locali del Far West. Come nel miglior film di Sergio Leone, le porte del box avranno la possibilità di aprirsi sia verso l’esterno che verso l’interno della doccia!

Box Doccia LeroyMerlin

Praticità ma anche impatto estetico

Una volta scelta la forma, la misura appropriata e il metodo di apertura più indicato, arriva la parte più divertente ma anche quella che potrebbe creare più “problemi”, come è successo a noi: la scelta dei pannelli e delle rifiniture.
Se i precedenti dettagli sono quasi obbligati nella loro scelta in base alle esigenze e alla gestione degli spazi, quando si arriva alla scelta dei materiali di costruzione dei pannelli e dei profili il discorso cambia totalmente, si apre un mondo! Personalmente ci siamo persi nelle molteplici varianti scatenando gli interior designer assopiti in noi.

Prima di passare però al dettaglio puramente estetico ,per evitare di incappare nello stesso nostro errore iniziale di lasciarci affascinare dalla bellezza di questi dettagli, vogliamo sottolineare che, anche in questa scelta, hanno grande peso la funzionalità e la praticità. Ricordate di tenere sempre bene in mente l’ambiente in cui l box doccia verrà collocato, la sua cura e la sua manutenzione. A volte, per quanto un prodotto sia bello, può richiedere una cura decisamente minuziosa che potrebbe portarvi poi a perdere un sacco di tempo per una manutenzione adeguata al fine di non rovinarlo.
Detto questo, passiamo ai pannelli dei box doccia!

In base ad esigenze di budget e di estetica è possibile optare per la scelta di pannelli in acrilico, pvc, vetro o cristallo.
L’acrilico o plexiglass è il materiale sicuramente meno costoso, ideale per chi necessita di un prodotto che con una spesa minima abbia una resa massima senza curarsi dell’estetica. Adatti ad un secondo bagno e con spessore minimo di 2-3 mm, questi pannelli sono decisamente solidi ma proprio per la loro composizione tendono a graffiarsi facilmente portando quindi uno svantaggio sia in termini di estetica che di igiene in quanto sporco e batteri potrebbero agire con più facilità. Inoltre, in caso di rottura, questo tipo di materiale risulta decisamente pericoloso e affilato.

Il pvc, materiale decisamente resistente, è la versione ecologica dell’acrilico. Di origine prevalentemente naturale, viene prodotto senza l’uso di materie prime a disponibilità limitata e non rinnovabili. Resistente ad abrasione, usura, attacco di funghi e batteri, è un materiale leggero ed idrorepellente, perfetto quando si parla di docce!

Arriviamo ai materiali più eleganti ed esteticamente belli da vedere. Il vetro e il cristallo sono sicuramente i materiali più costosi per i pannelli dei box doccia ma anche quelli che danno maggior soddisfazione in fatto di stile e sicurezza. Consigliati dello spessore minimo di 5-6 mm, i pannelli in vetro o cristallo temperato, ovvero riscaldato e immediatamente raffreddato, vantano una grande resistenza ad urti, flessioni e shock termico e, in caso di rottura, si “sbriciolano” in piccoli frammenti arrotondati che non avranno dettagli taglienti o affilati, un enorme vantaggio in fatto di sicurezza, soprattutto se ci sono bambini in casa!
Il vetro e il cristallo hanno una resa estetica molto simile, riuscendo a far sembrare più grande anche il bagno più ristretto! La differenza sta nella loro composizione in quanto il cristallo è arricchito con il 35% di piombo, che ne esalta la brillantezza. Sono entrambi disponibili in diverse varianti da quella trasparente, a quella serigrafata, da quello stampato a quello satinato.

La scelta del pannello si va poi a combinare con quella dei profili che si possono trovare in versioni diverse: cromati, verniciati, in pvc, in alluminio o in acciaio. Ogni profilo avrà un impatto estetico differente e starà a voi decidere se lasciarlo a vista o meno. Noi per esempio ci siamo innamorati dei box doccia senza profili!

Ed ora…a noi Leroy Merlin!

Dopo questa lunga premessa, con la quale speriamo di aver chiarito dubbi e avervi fornito il maggior numero di informazioni delle quali possiate necessitare nella scelta del vostro box doccia, passiamo alla parte pratica e specifica.
Come accennato all’inizio della guida, questa è dedicata ai box doccia Leroy Merlin.

Per la nostra ricerca ci siamo recati nel punto vendita più vicino a noi, ormai sempre più diffuso sul territorio non è stato difficile né trovarlo né raggiungerlo. Abbiamo girellato per il reparto dedicato lasciandoci affascinare dalla grande disponibilità di prodotti che offre il marchio.
Li abbiamo guardati, studiati, toccati, aperti, chiusi e osservati per bene. Sembravamo investigatori sulla scena di un delitto, forse qualche acquirente ci ha preso anche per pazzi 🙂 .

Dopo un’iniziale valutazione estetica e dal gusto prettamente personale, ci siamo focalizzati su esigenze pratiche e dettagli strutturali.
Dalla nostra valutazione è emerso che il miglior box doccia Leroy Merlin è Elyt, box doccia in cristallo trasparente.

Come abbiamo scelto e testato i box doccia Leroy Merlin

Come abbiamo già detto, la scelta è stata abbastanza complicata data la grande disponibilità di catalogo offerta da Leroy Merlin.
Dapprima ci siamo fatti un bel giro all’interno di un punto vendita dove abbiamo potuto ammirare i box doccia di persona. Li abbiamo osservati per bene, ne abbiamo valutato i materiali e le finiture e abbiamo testato ogni singolo metodo di apertura e chiusura provandolo svariate volte alla ricerca del sistema più pratico e resistente. Guadagnandoci anche sguardi di disapprovazione da alcuni avventori del megastore, abbiamo misurato lo spazio di accesso provando ad entrare nei box e scosso o bussato su ogni singolo pannello che ha avuto la sfortuna di capitarci fra le mani! 😀

Dopo questa valutazione fisica e preventiva, abbiamo organizzato una riunione dello Staff per valutare insieme la scelta del miglior box doccia Leroy Merlin. Degna della più importante discussione alla Tavola Rotonda di Re Artù, l’incontro ha previsto la stesura di una serie di dettagli personali che ognuno di noi avrebbe voluto nel proprio box doccia. Il sondaggio ci è sfuggito di mano visto che ha finito per estendersi a familiari, amici e conoscenti però, questo piccolo fuori programma, ci ha permesso di restringere sensibilmente il range di prodotti fra i qual scegliere!

Ristretto quindi il campo ad una decina di modelli, siamo ci siamo dedicati alla ricerca di informazioni online tramite lo store online di Leroy Merlin e, raccolte le informazioni siamo passati all’acquisto!
Una volta recapitati i box doccia prescelti, siamo passati alla prova pratica che consisteva in:
Verificarne la facilità di montaggio. Per quanto ci fosse la possibilità di farla montare dagli addetti, abbiamo deciso di farlo da noi, che prova pratica sarebbe se non valutassimo ogni dettaglio?
Assicurarsi che l’apertura/chiusura avvenisse senza problemi, che fosse pratica e resistente e che non causasse problemi di fuoriuscita dell’acqua;
– Testare la qualità dei materiali e la loro manutenzione. Li abbiamo bagnati, toccati, e sporcati in ogni modo per verificarne la resistenza e la facilità di pulizia.
Come sempre, i prodotti che hanno superato brillantemente due o più punti della nostra prova sono entrati a far parte della guida…a voi i vincitori!

La nostra Prova Pratica per il Miglior Box Doccia Leroy Merlin

Una volta scelto il box doccia semicircolare della serie Elyt, lo abbiamo montato senza troppi sforzi, nonostante non lo facciamo di mestiere! Un passo indietro e decidiamo da subito che la scelta è stata ottima! Lo stile elegante e minimale si adatta perfettamente al nostro bagno e non stona con nessun elemento di arredo.

Il cristallo temperato trasparente non da l’aspetto di ingombro favorendo invece la profondità e quindi dando l’idea di avere un bagno più spazioso.

Il box oltre che esteticamente molto bello è anche solido e robusto. Il profilo cromato in alluminio, con trattamento atossico, ecologico e antibatterico, ha una doppia anima interna che lo rende decisamente resistente, dobbiamo dire che dopo l’uso frequente non abbiamo ancora avuto problemi!

La stessa cura dei dettagli che si traduce in qualità, stabilità e durata nel tempo è applicata ai pannelli. Il cristallo temperato 6 mm è arricchito da un trattamento anticalcare che riduce il deposito di calcare sulle pareti e ne esalta la brillantezza. E’ inoltre solido e decisamente stabile e l’apertura a scorrimento è risultata estremamente fluida anche dopo tempo grazie ai cuscinetti a sfera in acciaio.

Piccoli difetti, ma resta il Migliore!

Come ogni prodotto esistente sul mercato, deve avere qualche pecca, non esiste la perfezione! Nonostante sia facile da montare, possiamo dire che è meglio lasciarlo fare a dei professionisti, sicuramente ci metteranno meno tempo e non vi resterà il timore di aver sbagliato qualcosa.
Per quanto riguarda i pannelli in cristallo temperato trasparente, invece, dobbiamo ammettere che sono di facile pulizia ed il trattamento anticalcare svolge alla perfezione il suo lavoro ma è un po’ più impegnativo per quanto riguarda la manutenzione. Prestate attenzione a non lasciare ditate perché potrebbe richiedere un tempo maggiore per la sua pulizia!

La nostra Prova Pratica per il Miglior Box Doccia Leroy Merlin Qualità/Prezzo

Umbra ha meritato egregiamente il suo titolo! Il box doccia rettangolare 70×90 cm ci ha soddisfatti pienamente!

Di montaggio abbastanza facile, sia i profili cromati che i pannelli in cristallo temperato serigrafato si sono dimostrati solidi e robusti anche dopo tempo e dopo un uso frequente.
La pulizia è facilitata dal fatto che le ante siano sganciabili quindi non abbiamo riscontrato depositi di sporcizia nei punti più difficili ed il trattamento anticalcare è perfetto in quanto dona brillantezza più a lungo e riduce effettivamente il deposito di calcare.
Anche l’apertura e chiusura del box, dopo tempo continua ad essere impeccabile. I cuscinetti a sfera sono ancora perfetti come appena montato!

Piccoli difetti, ma resta il migliore!

Anche con questo prodotto, seppur non si possa considerare un vero e proprio difetto, consigliamo di lasciarlo montare agli addetti per una questione di praticità e velocità.
Ammettiamo di aver preferito uno spessore lievemente maggiore del cristallo temperato, è comunque solido e robusto, ma 1 mm in più ci avrebbe lasciato ancora più soddisfatti di quanto già non siamo!

Uso, manutenzione e cura

Arriviamo alla fase finale della guida, quella specificatamente pratica!
I box doccia Leroy Merlin si sono rivelati prodotti di eccezionale fattura e, proprio per questo, meritano un occhio di riguardo in fase di cura e manutenzione per mantenerli perfetti nel tempo!
Trattate con cura i profili e i pannelli, sono ottimi e resistenti ma non per questo dovete trascurarli! Evitate urti e maltrattamenti inutili, sono prodotti solidi ma comunque hanno bisogno di attenzione.

In fase di pulizia, usate prodotti anticalcare che vadano a proteggerli ancora di più, in questo modo eviterete spiacevoli aloni e macchie che potrebbero inficiare la la stupenda resa estetica ed igienica.
Prestate inoltre particolare attenzione alle guide che alloggiano le ante scorrevoli, evitate che di depositi la sporcizia così da non rischiare di avere problemi di fluidità in fase di apertura e chiusura!

Colonna Doccia Idromassaggio

Come sempre speriamo di esservi stati utili. Siamo decisamente soddisfatti degli acquisti effettuati e dobbiamo quindi ammettere che, nonostante il lavoro sia stato lungo ed impegnativo, il gioco è valso la candela! I box doccia Leory Merlin sono risultati davvero di nostro gradimento!
In fase di cambiamento della doccia abbiamo anche optato per la scelta di una colonna doccia idromassaggio che ha valorizzato ancora di più il nostro acquisto esaltando il piacere dell’utilizzo di prodotti belli quanto qualitativamente buoni!
Ora tocca a voi, buon acquisto!

Scrivi una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *